Alla mia cara amica.


Quasi due mesi sono passati, e la mia mente ancora non riesce a crederci e arrendersi all'idea, e specialmente al parlare di lei al passato.
E come potrebbe dopotutto?
Una parte di me spera che scrivendo qui e quindi "liberando la mente",  le cose possano migliorare; ed in effetti in parte finora lo è stato. Salvo poi scontrarmi faccia a faccia con la realtà.
Non ci si può nascondere per sempre ed ogni cosa, prima o poi va affrontata. Ma la domanda è, come affrontare una cosa del genere?

Ormai è così tanto tempo che non ho amici nel senso stretto del termine, che ho quasi perso il conto, e lei è stata di fatto l'unica vera amica che abbia mai avuto. Aveva la capacità di farti sorridere e tirarti su di umore semplicemente guardandola o standole vicino, anche magari nei momenti peggiori in cui volevi stare completamente da solo. Si, i cani possono fare questo, e molto altro.
Era un rifugio nei momenti peggiori che, nel mio caso, son stati davvero tanti, troppi.

Io non so perché te ne sei andata, e spesso ripeto a me stesso quasi a convincermi, che era semplicemente giunta la tua ora. Ma nonostante ciò tutto questo non è giusto, perché non te lo meritavi, tanto meno un tumore del genere. Avresti meritato di vivere e morire di vecchiaia, magari a 14-15 anni, che è l'età massima di un Boxer.
Linfoma Epiteliotropo T. Un tumore che parte come fungo cutaneo nello stadio di "Micosi fungoide", per poi invadere il sistema linfatico. Come saprete i linfonoidi sono dappertutto, e quindi letteralmente, attraverso questi il tumore può diffondersi praticamente ovunque. Un tumore che è tanto raro nei cani in generale, quanto specialmente e soprattutto nei Boxer, e le percentuali di prenderlo rispetto ad altri sono abbastanza ridotte.
Perché, io mi chiedo, per quale maledetta ragione una cosa del genere doveva capitare proprio a te?

Era destino che succedesse tutto questo? Forse.
Destino che abbia scelto di non iniziare l'università quest'anno ma di fare altro e studiare da solo? Destino che tu te ne sia andata tra le nostre braccia, e non in solitudine? Destino che sia successo in quel periodo, e che questo mi abbia reso consapevole di molte cose?
Non oso immaginare in che stato sarei ora se te ne fossi andata mentre ero fuori Pescara, e in parte devo ringraziare almeno per questo.
Si, chi lo sa, forse era davvero "destino", forse no.Quello che è certo però è che sei sempre stata per me fondamentale, considerando che stavo a casa la maggior parte del tempo...e quando uscivo, anche solo per 5-10 minuti, eri sempre li pronta ad accogliermi e fare le feste contenta di vedermi, come se fossero passate ore. 12 anni sono un tempo lunghissimo, sono praticamente 3/4 della mia vita, e per questo sei sempre stata per me, oltre che un'amica, anche e principalmente una sorella. Da quando avevo 8 anni ci sei sempre stata, e mi ricordo ancora tutte le volte che giocavamo fuori in giardino insieme.
Avevi un carattere fantastico che non hai mai perso, neanche un attimo nella tua vita, e tuttora sei l'essere più buono che abbia mai conosciuto.
Hai dovuto subire diverse operazioni, a partire dalla rimozione del mastocitoma e del carcinoma più tutti i vari controlli, ecografie, biopsie, e radiografie, e nonostante questo non ti sei mai "lamentata" e poco dopo tornavi scodinzolante e felice come sempre come se non fosse successo nulla, perché l'importante per te era che tu fossi insieme a noi...e non hai mai chiesto altro. Ed era proprio questo il tuo dono, eri sempre felice in qualunque circostanza, persino nell'ultimo periodo quando non stavi proprio bene.
Ci hai sempre voluto bene e te lo si leggeva negli occhi, e non hai mai chiesto niente in cambio. Di questo non ti ringrazierò mai abbastanza.

I cani, e specialmente i molossoidi e i Boxer, sono esseri meravigliosi. Con il passare del tempo ho compreso che sono anche infinitamente meglio di tante persone. Piuttosto che tradirti, il cane preferirebbe morire.
Molte volte ho sentito dire che è il miglior amico dell'uomo...e solo ora, solamente adesso, ne capisco appieno il significato. Ho imparato ad ignorare chi dice "era solo un cane", quando rispondergli è semplicemente...fuori questione.

Ogni mattina inevitabilmente ci ripenso, e ogni volta devo realizzare che effettivamente non la troverò più in casa, perché tutto girava intorno a lei. Io ero abituato a vederla da quando andavo a scuola a quando tornavo, e quando studiavo lei gironzolava sempre per casa, o si piazzava seduta in piana stabile dietro la sedia della scrivania. Ormai certe cose non esistono più, ed è bastato un attimo, un solo attimo per cancellarle via per sempre.
E la casa stessa era lei a riempirla, e ora questa e il giardino riecheggiano completamente vuoti, come mai prima d'ora.
Diverse domande mi rimbalzano per la testa: ci rincontreremo, ti rivedrò prima o poi, un giorno? Cosa avrà provato nel momento della morte? Come si sentirà adesso che noi non siamo più insieme a lei?

La notte raramente riesco a dormire, ogni volta ho come dei flash del momento della morte che mi tormentano di continuo, e non riesco a togliermeli dalla testa.
Il giorno devo scrivere qui o fare qualcos'altro e tenermi occupato, ed è l'unico modo.


-- Ma c'è un evento particolare che non ho avuto ancora il coraggio di riferire a nessuno, e probabilmente qualcuno penserà che sia "pareidolia" o che sia stato lo shock, ma io sono sicuro del contrario.
Poco dopo la morte sono rimasto diverso tempo fuori in giardino a riflettere.
Il cielo era praticamente quasi senza nuvole, fatta eccezione di qualcuna isolata sparsa qua e là.
Ho alzato la testa, e sopra di me c'era un unico gruppo di nuvole facilmente distinguibile e piuttosto distinto, e formava la sagoma di un cane visto di profilo. Sono rimasto un sacco di tempo a guardarlo, e mi sono chiesto come fosse possibile....e poi ho compreso. --


Sono sicuro che ci osservi da lassù e che anche ora, ci stai sorridendo.
Ricordati di quanto ti abbiamo sempre voluto bene e te ne vogliamo ancora, e promettimi che non ti dimenticherai mai di me e di noi, e ci sarai sempre vicina.
Io non sono mai stato una persona perfetta e non lo sarò mai...ma ti prometto che cercherò di migliorare e di "sistemare" la mia vita.
Questo è il primo post del blog su di te, e non sarà di certo l'ultimo.
Come ho già detto nell'introduzione, è anche dedicato a te, e se il blog finalmente esiste è solo merito tuo.
Onorarti con il ricordo è il minimo che io possa fare.

Buone vacanze di Natale, Greta.
Ti voglio bene.



When the night has come, and the land is dark 

And the moon is the only light we'll see 

No, I won't be afraid, no I won't be afraid...just as long as you stand,

stand by me.



And darlin', darlin', stand by me.

oh stand by me.


Stand by me,

stand by me.



If the sky that we look upon...should tumble and fall

And the mountains should crumble to the sea

I won't cry, I won't cry, no I won't...shed a tear. Just as long as you stand,

stand by me.



And darlin', darlin', stand by me.

oh stand by me.


Stand by me, stand by me,

Stand by me.



[ Ben E. King - "Stand by me" (1961) ]





Se avesse avuto le ali sarebbe volata via, e un giorno o l'altro Dio gliene darà un paio.
(cit.)

Commenti

  1. sinceramente mi hai commosso...
    Greta sarà sempre con te, un amore così grande come quello di un essere che non conosce la cattiveria umana non può finire come se il tempo fosse scaduto, ma vive ancora, sempre, a prescindere dal piano fisico...

    RispondiElimina
  2. Come ti capisco... Anch'io avevo una cagnolina, è morta circa tre anni fa. Ricordo che ai tempi ero inconsolabile, mi sentivo male, non riuscivo nemmeno a studiare... Ancora adesso spesso sento la sua mancanza.
    Davvero un bel post, mi ha fatto quasi piangere.
    "Ho imparato ad ignorare chi dice "era solo un cane", quando rispondergli è semplicemente...fuori questione." Sì, lo so, le solite persone insensibili, non capiscono che i cani sono parte della famiglia.
    Ma è stata la tua cara amica e continuerà ad esserlo.

    RispondiElimina
  3. Tua "sorella" ci sarà sempre Marco!L'hai vista nascere e ti ha accompagnato fino ad ora, praticamente ha aspettato che diventassi un uomo. Adesso falle vedere come inizi a realizzare quello che vuoi diventare e che non ti abbatterai più. E fa una cosa, guardati attorno, perchè potresti scoprire che qualche(e dico qualche, non esageriamo!) essere umano degno di un cane ci può essere!!Con affetto dalla tua cuginetta Giò:)

    RispondiElimina
  4. E comunque la foto con la lingua da fuori in giardino è strabella!!!Un bacio alla cagnolona più bella, a Gretona!

    RispondiElimina

Posta un commento