Samsung Galaxy S III - Analisi tecnica


Oggi parliamo di tecnologia, con la recensione di uno smartphone: il Samsung Galaxy S III (o "S3"), che era tra le bozze già da parecchio ed era ora di liberarsene.
Con questo telefono ho avuto un pò di disavventure, legate al fatto che ho dovuto rimandarlo indietro diverse volte poiché ogni modello che mi veniva inviato presentava difetti più o meno gravi (di assemblaggio o interni). Da fine maggio che l'ho acquistato la prima volta, solo verso Ottobre ho deciso di lasciar perdere i difetti e di tenermelo lo stesso, complice anche il fatto di aver ricevuto un tablet in regalo (niente di che, ma sempre meglio di uno schiaffo in faccia) tramite un'offerta di quel periodo. Con tutti i controlli che ho effettuato ad ogni sostituzione, posso dire di conoscere ormai l'S3 piuttosto bene.
Mi scuso da ora se non sono presenti foto ma solo immagini prese da internet, ma purtroppo non possiedo fotocamere decenti (anzi, in teoria dovrei dire "non possiedo fotocamere").



Genesi, rumors e specifiche reali

Il Galaxy S3 ha avuto una genesi abbastanza particolare perché il suo sviluppo, oltre ad essere stato circondato da decine e decine di rumor diversi (di cui solo pochi effettivamente azzeccati), è avvenuto all'oscuro di tutti. Che significa? Significa che la Samsung ha fatto letteralmente di tutto per celare completamente il design del successore del pluripremiato Galaxy S II fino al suo annuncio: tutte le unità consegnate ai tester erano composte dall'hardware dell'S3 e un firmware provvisorio, in una scocca completamente anonima (e non che il design finale sia poi tanto meglio) impossibile da rimuovere.
Ho davvero perso il conto di tutti i rumor che, dal momento in cui se ne iniziò a parlare, sono circolati in rete. L'ultimo, poco prima dell'annuncio ufficiale il 3 Maggio 2012, parlava di:

  • SoC Exynos 4412 con CPU quad-core a 1.5 Ghz e GPU Mali-T604 (cosa che era impossibile, dato che il SoC 4412 contiene la Mali-400)
  • Display da 4.8'' Super Amoled Full-HD Plus (1920x1080 px) con matrice RGB e protezione Gorilla Glass 2
  • 2GB di ram
  • Scocca nera in materiale ceramico
  • Supporto alla "ricarica wireless" con accessorio incluso
  • Batteria da oltre 2000 mAh
  • Micro-SIM
  • Possibilità di switch tra Android "vanilla" e TouchWiz UI

Mentre le reali specifiche sono:

  • SoC Exynos 4412 con CPU quad-core a 1.4 Ghz e GPU Mali-400 overcloccata a 400mhz
  • Display da 4.8'' Super Amoled HD (1280x720 px) a matrice PenTile con protezione Gorilla Glass 2
  • 1GB di ram (circa 900mb effettivi)
  • Scocca in policarbonato blu o bianca
  • Supporto a ricarica wieless annunciato...ma poi abbandonato.
  • Batteria da 2100 mAh
  • Micro-SIM
  • TouchWiz UI 4.0 "Nature UX" con qualche piccola chicca software


Design (6/10 - soggettivo)
  Materiali (7.5/10)
    Assemblaggio (5/10)
      Usabilità (7/10)
        Confezione e contenuto (6.5/10)


Design ispirato alla natura, dicevano.
Ma cavolate commerciali a parte, una delle cose che mi ha fatto arrabbiare di più è proprio il design, principalmente perché dopo tutti gli sforzi per celarlo fino al momento dell'annuncio, mi sarei aspettato qualcosina di più.

Richiama un pò quello del Galaxy Nexus (sempre di Samsung), eppure è di gran lunga peggio: tuttora la sua forma non mi dice granché, complice anche il fatto di essere inutilmente asimmetrico (la parte superiore del telefono è leggermente più stretta di quella inferiore). Perciò, guardandolo tutto ciò che mi balza all'occhio si traduce esattamente nella parola anonimo. Un termine più adatto per definirlo credo non esista.

Perfino il Galaxy S2 -nonostante la sua forma quadrata e piuttosto spigolosa- mi piace di più di questo S3, anche perché almeno non presenta la cover posteriore completamente piatta ma è un minimo impegnata, per così dire. Idem si può dire per il Galaxy Nexus.
L'unico punto a favore, ma solo per la versione blu, è il motivo su cover anteriore e posteriore, che dà l'"effetto madreperla" e che Samsung ha chiamato HyperGlaze.
Per il resto abbiamo ancora il tasto home fisico (caratteristica della serie Galaxy S) al posto di quello virtuale imposti da Android 4.0 ICS, e sul retro flash LED, fotocamera e altoparlante sono disposti a filo lunga la stessa linea sopra la scritta samsung; jack per cuffie in alto, tasto volume a sinistra e accensione a destra, porta micro-usb e microfono in basso; il microfono per la soppressione dei rumori è situato in alto.
Lo spessore è di 8,6mm e pesa 133g, e i materiali sono quelli che sono: cover anteriore e posteriore in policarbonato (un tipo particolare di plastica, per chi non lo sapesse) che è si molto resistente, ma non dà un feeling al tocco eccezionale, oltre a non essere un granché visivamente. Peraltro, policarbonato che viene usato molto spesso anche da HTC, LG e altri produttori.
A volte rimpiango di non essermi preso il Motorola Razr, che ha almeno la cover posteriore in kevlar. Se non l'ho preso è perché il software di Motorola fa abbastanza pena, oltre al fatto che l'azienda l'ho detestata per molto tempo e per diversi motivi. Per giunta la divisione italiana ha recentemente chiuso i battenti.
Il vantaggio del policarbonato però, come dicevo, è quello di essere piuttosto resistente. La cover infatti è ultra flessibile e nel caso in cui si dovesse rovinare (purtroppo succede assai facilmente) o rompere si può sostituire con pochi euro, al contrario di altre fatte con materiali più costosi; questo è il maggior -ed unico a mio parere- pregio del materiale con cui è stato costruito il telefono.

Arriviamo poi all'assemblaggio. Come vi dicevo prima, ho dovuto sostituire l'S3 più volte, e questo perché tutti presentavano difetti di assemblaggio. A partire da scricchiolii della scocca che non dovrebbero esserci e che fanno molto "smartphone low-cost", per arrivare a microfono o altoparlante palesemente montati storti, o alla cover anteriore troppo incassata nella parte bassa rispetto a quella alta, e via dicendo.
Magari sono stati solo eventi sfortunati, ma le prove che ho fatto mi sono bastate per capire che non è un telefono molto curato sotto quest'aspetto. Nel complesso si potrebbe dire quindi che è mediocre e a momenti neanche Nokia anni fa, pur utilizzando plastiche da quattro soldi, arrivava a questi livelli in quanto ad assemblaggio.

Passando al lato usabilità del telefono, mentirei se dicessi che è facilmente utilizzabile con una mano. I 4.8 pollici permettono di avere più spazio, nel caso si stia guardando un video o leggendo del testo su una pagina web, ma al tempo stesso non permettono di usare bene il telefono con una mano sola, complice la troppo larga cornice del display stesso. Quello che ho trovato particolarmente difficile, come potrete immaginare, è toccare con il pollice la zona in alto del display e il doverlo tirare fuori dalla tasca dei pantaloni per rispondere ad una chiamata o per effettuarla quando magari si ha anche fretta. Le due mani, almeno per me che non le ho giganti, sono nella maggior parte dei casi obbligatorie.
Se non altro l'usabilità è in parte aiutata dagli angoli smussati, dato che così il telefono risulta più comodo da tenere in mano, anche se per colpa della cover posteriore fin troppo liscia, più volte ho rischiato di farlo cadere. Si potrebbe dire che in mano il feeling è quello di una saponetta.

La confezione esteticamente è molto semplicistica, completamente blu o bianca (a seconda del telefono) con -ovviamente- la scritta "Samsung Galaxy S III". Il contenuto è il minimo indispensabile, senza nessuna aggiunta: abbiamo cavo micro-usb e il relativo adattatore per la ricarica, cuffie in-ear bianche con diversi gommini sostitutivi (sono sempre bianche, a prescindere dal colore del telefono), e ovviamente il Galaxy S3.




Prestazioni: Android 4.0.3 ICS (9/10)
                    Android 4.1.2 Jelly Bean (8/10)


Mentirei se dicessi che questo smartphone è lento, ed infatti non lo è ma occorre fare una precisazione, nonché distinzione tra la release firmware con Android 4.0.3 e quella con Andoid 4.1.2 (l'ultima da me testata).

RELEASE FIRMWARE: ANDROID 4.0.3
Con Android 4.0.3 ICS è una vera e propria saetta. Penso di poter dire tranquillamente che è lo smartphone con Android più veloce e reattivo del 2012 insieme al Galaxy Note II e all'HTC One X.
Ogni operazione risulta estremamente fluida, a partire dalla navigazione nei menù, nella galleria e lo switch tra le applicazioni. Anche i giochi vanno che è una meraviglia (per quanto io non usi il telefono per questo scopo): la Mali-400 che nell'S3 è overcloccata da il meglio di sè riuscendo a far girare in maniera fluida e anche più ogni gioco, compresi quelli in 3D più pesanti, come NOVA3 e simili.
Ma il vero e proprio apice viene raggiunto nella navigazione internet. Con il browser stock è eccellente, estremamente fluida e piacevole, così come con altri browser come Firefox e Dolphin. Il pinch-to-zoom è di una rapidità disarmante, idem il pan nelle pagine (giusto con qualche piccola pigrizia ogni tanto) e lo scrolling perfetto, senza ritardi nè lag di sorta.
In generale quindi è molto difficile che si impalli il telefono durante una qualunque operazione.


RELEASE FIRMWARE: ANDROID 4.1.2
La release firmware che aggiorna Andorid alla 4.1.2 Jelly Bean, se da una parte aggiunge diverse funzioni interessanti (che vedremo successivamente), dall'altra presenta molteplici lati negativi, che rendono di fatto questo update un'arma a doppio taglio: impiega molto meno tempo per avviarsi (circa 12-15 secondi contro i 20 circa di ICS) ma molto più tempo per caricare ogni widget all'avvio e per collegarsi alla rete wi-fi, e nel frattempo qualsiasi operazione viene rallentata o bloccata rendendo il telefono inutilizzabile per almeno una quindicina di secondi, una cosa a dir poco insopportabile. Inoltre sono presenti diversi lag nel caricamento del drawer e nel menù widget, oltre ad alcuni sporadici navigando tra le voci del menù impostazioni. Anche le prestazioni nel browser stock, che prima rappresentavano il vertice delle performance generali, ora sono di gran lunga peggiori ed è molto più facile che si incontrino scatti improvvisi durante il pan delle pagine e lo spostamento tra le schede.
Considerate anche che io prima di fare l'aggiornamento ho effettuato perfino un wipe totale dei dati e della cache.



Display (7/10)

Ma io mi chiedo: per quale motivo se il Galaxy S2 aveva un display (pur non HD) con matrice RGB, dovete fare un salto indietro?
"Perché i display PenTile durano di più nel tempo" dice la Samsung, ma il vero problema è che non potevano giocarsi subito questa carta, fatto dimostrato poi durante la presentazione del Galaxy S4 l'anno successivo, il quale monta proprio un display FullHD (1920x1080 pixel) da ben 441ppi che, seppur restando PenTile, ha una matrice diversa detta "a diamante" con subpixel ad esagono e pochissimi spazi tra di essi; questo li rende molto vicini e compatti aumentando la definizione, anche quella percepita ad occhio nudo.

Ma molti potrebbero dire: che vuol dire "PenTile"?
PenTile è una matrice che Samsung utilizza spesso sui suoi Super Amoled, che in pratica è strutturata in questo modo: mentre nella matrice RGB ci sono tre subpixel primari, cioè rosso/verde/blu, nella PenTile ne sono principalmente due, rosso/blu, e il subpixel verde c'è ma è condiviso da ogni coppia di subpixel rossi e blu. Questo porta ovviamente ad una (assai) minore definizione rispetto ad un display con matrice RGB, rendendo di fatto il display del Galaxy S3 un "falso HD".

Un esempio:

RGB:                                                                                                                     PenTile:












Nonostante molta gente affermi il contrario (fanboy samsung?), avvicinandosi già di poco al display si riescono a vedere molto bene i subpixel e l'immagine risulta sgranata. Immagino comunque sia anche una cosa soggettiva, alcuni la vedono e altri no, ad altri invece non gliene importa nulla; a me, avendo speso quasi 600 euro importa eccome.

Fattore soggettivo o meno però, questo non toglie il fatto che sia uno dei peggiori display in circolazione. In primis la luminosità non è granché elevata, anzi. All'aperto, anche se settata al massimo, si riesce a vedere molto poco, al contrario di altri smartphone che montano invece display IPS/LCD. Il problema è dato principalmente dai "nits" del display che negli IPS sono elevati, e che nel Galaxy S3 (e negli Amoled in generale) sono molto al di sotto dei 300, soglia minima per una buona visibilità al sole.

Seconda cosa, come già accennato: la definizione. Ecco un'immagine esplicativa (zoomata attraverso un microscopio) che confronta le matrici dei display di diversi terminali incluso il Galaxy S3. Si, gli altri terminali sono del 2013 ma a prescindere dal mero confronto con gli altri si nota lo stesso quanto il display dell'S3 sia poco definito e si intuisce di quanto la pessima matrice possa influire sulla resa, rispetto ad altri tipi di display.

(cliccare sull'immagine per ingrandire)



Da notare i passi da gigante effettuati sulla matrice del Galaxy S4, praticamente solo di poco inferiore ai display Full-HD IPS dell'HTC One e a quello TFT dell'Xperia Z.

A meno che non siate dei patiti di tecnologia e dei pignoli come me, il PenTile dell'S3 non vi pregiudicherà la resa visiva generale. In particolare nei giochi non vi accorgerete della differenza con altri display, se non forse per i colori.
Una cosa che non mi è piaciuta per niente è come si vedono i video, in questo l'Amoled dell'S3 cade rumorosamente. In pratica nelle scene più scure l'immagine appare quasi a "chiazze" indistinte non riproducendo bene le sfumature, dando una bruttissima resa visiva. Per il resto in scene non scure la resa è normale, per fortuna. E dire che all'inizio, non avendo visto di meglio fino ad allora, la resa visiva mi sembrava eccezionale, ma poi mi son dovuto ricredere quando ho guardato altri display, in particolare gli IPS.

Per finire, un altro paio di difetti:

  • Caratteristica famosa dei Super Amoled (che qui sull'S3 non manca ovviamente) è il cosiddetto fenomeno delle "macchie nere", che appaiono su uno sfondo scuro in assenza di luce. Alcuni le notano, altri non ci fanno caso, e a me basta anche una fonte media di luce per notarle...e vi garantisco che su un display di un top di gamma che costa centinaia di euro non è una cosa da poco conto. In pratica uno dei già pochi vantaggi degli Amoled, cioè la impareggiabile profondità dei neri (ottenuta direttamente spegnendo i pixel), si perde con il fatto che su sfondo nero appaiano queste fastidiose macchie.
  • Come se non bastasse tutto il resto, c'è anche l'effetto burn-in. Per spiegarvi questo vi faccio un esempio: con una immagine chiara sul display (come il bianco per esempio) dopo un pò di tempo si noterà che andando in modalità landscape (ruotando il telefono) la barra delle notifiche rimane stampata sul display, di lato. Per fortuna questa "peculiarità" è ben più rara della precedente.

In compenso hanno migliorato la fedeltà dei colori rispetto all'S2, nonostante rimangano sempre più saturi del normale. Altro vantaggio è l'effetto "azzurrino" del bianco che è stato ridotto notevolmente (seppur non eliminato).



Parte telefonica (7/10)

So che molti diranno: "avresti dovuto mettere questo aspetto per primo".
Io l'ho detto un sacco di volte in questi anni e lo ripeto ancora. A mio parere, lo "smartphone" non è un telefono nel senso stretto del termine, è stato ideato e progettato per fare tutto fuorché telefonare, funzione che quindi diventa secondaria.
Chi cercasse uno smartphone con ottimo modulo telefonico (quindi ottima ricezione/ottimo audio in chiamata e via dicendo) ha due opzioni:

  1. Non prendersi uno smartphone ma un telefonino normale, che costa anche poco.
  2. Prendersi un Motorola, rinomati sotto questo aspetto.

Detto ciò, l'S3 sul versante prettamente telefonico è discreto. Offre una qualità di ricezione che pur non facendo entusiasmare si potrebbe definire nella media degli altri smartphone. A questo proposito devo smentire chi si è lamentato: io non ho trovato nessun problema nella ricezione del segnale, aggancia bene quando serve e non mi ha mai lasciato in nessuna situazione. Dipenderà dal gestore? Ma sicuramente.
Per il resto la qualità dell'audio in chiamata è abbastanza buona, e non altrettanto si può dire del volume che mi ha molto deluso; chi mi ascoltava spesso si lamentava di un audio che di solito era troppo basso, e solo dopo ho scoperto che basta anche un minimo movimento del telefono per cambiarlo drasticamente.



Fotocamera: Interni (5.5/10)
                     Esterni (7.5/10)


Essendo uno smartphone, dalla fotocamera non ci si può aspettare granché, ed infatti è buona per gli standard ma a mio parere non può competere neanche con quella di una compatta di fascia media. Se la considerassimo in generale meriterebbe forse soltanto un "6", per giunta anche abbastanza tirato.
A mio parere c'è veramente troppo rumore nelle foto scattate in interni, sia in caso di molta luce sia con scarsa luminosità se non si utilizza il flash automatico. All'esterno le foto sono buone, nonostante il rumore permanga in maniera minore, e che alcune volte tenda ad impastare i dettagli, cosa che succede spesso in situazioni con scarsa luce ambientale; le macro invece, se si sanno fare (non guardate me) vengono sempre molto bene. Il flash è come sempre a led, purtroppo non allo xeno, ma è abbastanza potente e adeguato, certo niente di eccezionale, in linea con quelli montati su altri terminali.
La Samsung ha aggiunto anche diverse funzioni, in primis il lag assente quando si scattano le foto, e la possibilità di effettuare scatti continui o di "taggare" le persone su queste ultime. Per il resto è rimasto lo stesso identico software, con le stesse numerose opzioni fornite da Android (iOS sta piangendo, andatelo a consolare).



Batteria: Android 4.0.3 (8/10)
               Android 4.1.2 (7/10)


La durata della batteria era abbastanza buona (seppur non eccezionale) con Android ICS (4.0.3) e si riusciva anche a coprire una giornata con uso intenso.
Con Jelly Bean invece è andata peggiorando: in particolare ho notato come con esso consumi tantissimo di più con giochi semplici in 2D e durante la riproduzione video. Inoltre, mentre prima con Android 4.0.3 in standby si riusciva a consumare poco anche con wi-fi sempre attivo, con la 4.1.2 con qualche ora di standby e wi-fi acceso se ne va almeno un 15-20% di batteria.
La durata durante la navigazione web idem, nonostante i test dicano il contrario a me consuma molto di più con Jelly Bean (4.1.2) sia usando il browser stock sia con quelli alternativi. Stessa cosa si può dire durante l'ascolto di musica, dove i consumi sono nettamente a sfavore rispetto a quelli di Android 4.0.3. Se prima con il lettore musicale non avevo alcun timore di consumare troppo la batteria, ora con bisogna prendere sempre provvedimenti (risparmio energetico attivo, per dirne una) perché altrimenti la batteria inizia a calare drasticamente.
Per quanto riguarda la durata in chiamata, anche qui era meglio con Android 4.0.3. Con la 4.1.2, dopo circa un paio d'ore la batteria si scarica di almeno un 20%, se non di più.



Software e ottimizzazione: Android 4.0.3 ICS (9/10)
                                           Android 4.1.2 Jelly Bean (7/10)


RELEASE FIRMWARE: ANDROID 4.0.3
La vera novità (se così si può chiamare) di questo Galaxy S3 è senza dubbio l'incredibile ottimizzazione del software da parte di Samsung. Se non sono più presenti impuntamenti o rallentamenti è merito in parte della CPU, ma soprattutto dell'impegno messo nel migliorare sia la Touchwiz che l'ottimizzazione generale.
La nuova Touchwiz, evoluzione della 4.0, è stata denominata "Nature UX" proprio perché diversi aspetti traggono spunto dalla natura, come per esempio l'effetto increspatura dell'acqua nella schermata di blocco, o anche i suoni alla pressione dei tasti virtuali (che peraltro ritengo assai fastidiosi). Inoltre sono state inserite diverse funzionalità e migliorie, alcune utili altre meno. Alcune le ho già accennate, come lo zero-lag shot della fotocamera e lo scatto continuo (che permette di fare otto scatti in rapida successione e l'algoritmo sceglierà per noi quello migliore) e in più abbiamo Smart Stay che ho trovato molto utile: consente di mantenere attivo il display nel caso lo stessimo guardando, e funziona attraverso la fotocamera frontale che rileva il nostro sguardo ogni tot minuti; l'unico vero problema, forse, è che la funzione per forza di cose consuma molta batteria, poiché mantiene il display sempre acceso impedendo anche alla luminosità di affievolirsi, come di solito succede prima dello spegnimento totale.
Oltre a Smart stay sono state aggiunte diverse altre gestures, che però ho usato assai raramente. Per esempio abbiamo Direct call che permette di chiamare direttamente un contatto semplicemente avvicinando il telefono all'orecchio, a patto che ci sia un riferimento nella pagina al contatto in questione; oppire Scuoti per aggiornare che permette di cercare dispositivi bluetooth nelle vicinanze semplicemente agitando il telefono; o ancora, la possibilità di tornare all'inizio di un elenco facendo un doppio tap sulla parte superiore destra del telefono.
Per ultimo ho lasciato S-Voice, l'ennesimo assistente vocale in stile Siri di Apple, che ho trovato abbastanza inutile, e in totale l'avrò usato si e no un paio di volte. C'è da dire però che è disponibile in italiano e che nonostante all'inizio tentennasse un pò, ora la precisione di rilevamento della voce è migliorata di molto, ed è migliorato anche il database delle possibili domande/risposte. Nel complesso è un'aggiunta, ma niente più.


RELEASE FIRMWARE: ANDROID 4.1.2
Con Jelly Bean hanno aggiunto molte features interessanti, prime tra tutte la Multi-view, inizialmente approdata solo su Galaxy Note II: in pratica è una sorta di multitasking che effettua uno split-screen consentendo di utilizzare fino a due applicazioni in contemporanea, scegliendo tra quelle disponibili.
E' stata implementata anche la funzione Smart rotation, simile a Smart stay ma ha a che fare stavolta con il giroscopio; in teoria dovrebbe bloccare la rotazione del display in determinate circostanze, anche se devo dire che a me finora non ha funzionato granché bene.
Altre features introdotte con la 4.1.2 sono la diversa (e non per forza migliore, purtroppo) interfaccia della galleria, i collegamenti rapidi nella barra notifiche (che ora è possibile scegliere e/o sostituire) e i tag contestuali applicabili alle immagini.
Segnalo anche l'introduzione di due programmi: Paper artist, una specie di software di fotoritocco con il quale ci si può divertire modificando immagini già presenti nel telefono, e Group cast che di fatto permette di condividere musica e video tramite wi-fi direct.

In generale ritengo che, fatta eccezione di Multi-view che è abbastanza interessante ed utile, le altre aggiunte non bastano a compensare sia il calo di prestazioni che di durata della batteria ricevuto con l'upgrade a Jelly Bean 4.1.2. In poche parole, per quel che mi riguarda, il gioco non vale la candela.



Rassunto: Likes & Dislikes

LIKES
- Prestazioni incredibili...con Android ICS
- Ottimizzazione software delle release software iniziali di vendita (4.0.1 e 4.0.3), un enorme balzo in avanti rispetto al passato (GingerBread).
- Slot di espansione microsd fino a ben 64gb

DISLIKES
- Assemblaggio a dir poco mediocre
- Rapporto qualità/prezzo: 699 euro di partenza per questo smartphone sono letteralmente un furto. Per fortuna è uno smartphone Android e il prezzo si abbassa velocemente con il passare dei mesi.
- Design estremamente anonimo (soggettivo)
- La matrice PenTile del display: un qualunque altro IPS (anche con risoluzione non HD) straccia questo di 10 a 0 in quanto a definizione e dettaglio. Nel 2012 non possono uscirsene con una cosa del genere e poi piazzare il telefono a €699 come prezzo di partenza
- Prestazioni con Android 4.1.2 Jelly Bean per molte cose non all'altezza della versione precedente
- Durata della batteria non proprio eccezionale. Con Jelly Bean peraltro è calata di molto sia durante le chiamate che durante la riproduzione video, e in generale non dura come su Android 4.0.3 ICS
- Effetto "saponetta" quando lo si tiene in mano. Più di una volta ho rischiato di farlo cadere perché troppo scivoloso
- Posizione innaturale del tasto home fisico. Ma che è passato per la testa agli ingegneri samsung?!



Commento personale e valutazione

Cosa aggiungere alla mole di roba che ho già scritto?
Di sicuro per me il Samsung Galaxy S3 è stato una mezza delusione. Anzi, togliete anche "mezza": avevo un sacco di aspettative su questo smartphone, che si sono poi concretizzate -purtroppo- nel Galaxy S4. Avrei dovuto aspettare, se avessi potuto.
Assemblaggio che fa pena, design poco ispirato e anonimo, display inferiore a qualsiasi LCD/IPS in commercio (in fatto di luminosità, visibilità sotto il sole e definizione), prestazioni e durata della batteria che con Jelly Bean sono peggiorate in molte situazioni. Il Quad-Core Exynos è ottimo ma l'ottimizzazione fatta con JB è davvero un passo indietro rispetto a quello che son riusciti a fare con ICS; è vero, c'è sempre il modding, ma a prescindere dalle prestazioni gli (altri) aspetti negativi permangono.

Penso che questo Galaxy S3 sia stata una mossa dettata dal non voler troppo stravolgere -a livello di caratteristiche hardware- quello che era il Galaxy S2, anche considerato il successo che questo ha avuto. Sinceramente però certi passi indietro non me li sarei mai aspettati, e in primis l'adottare la matrice PenTile.
Se lo consiglio? Beh, sicuramente è un buon smartphone e mentirei se dicessi il contrario, ma a me non ha mai convinto fin dal momento della presentazione, l'ho preso perché avevo bisogno di un telefono che mi durasse almeno 3-4 anni e l'S3 allora era l'unica scelta che abbinasse Android/fluidità generale e ottimizzazione/espansione di memoria.

Pensavo di poter rimanere con il dubbio per anni se avessi fatto bene a comprarlo e a spenderci sopra centinaia di euro (raccimolate in anni) ma mi sbagliavo.
7.5/10

Commenti

  1. Ho deciso: non vorrò mai sottoporre una mia qualsivoglia opera alla tua mannaia censorea...mi spaventi! :D
    Comunque ottima recensione, la condivido in giro se a te fa piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah esagerato :D

      Si fai pure, no problem ;)

      Elimina
  2. Bella e dettagliata recensione, se avessi saputo che potevo commentare qua non avrei scritto un papiro su Facebook :-)

    RispondiElimina
  3. Copioincollo il commento di Giulio (Marco non è su FB, ndr):
    "Alcune cose le ho riscontrate anche io. Vero che è grande e difficile da usare con una mano, anche se io ci riesco benissimo, verissimo sul display, tutto. Avevo fatto anche io delle ricerche e sapevo che avrebbero potuto fare di meglio. Nonostante ciò sono soddisfatto della qualità che offre, anche se è verissimo che col sole che ci batte sopra non si vede una mazza. Non sono d'accordo sulla parte strutturale, il design a me piace così minimalista (ma è questione di gusti) per il resto a me sembra molto solido come assemblaggio, magari sono stato più fortunato. Vero anche ciò che dice dei lag del so nel caricare widget quando passi da una schermata all'altra, vero in parte perché in realtà è un problema del launcher di stock touchwiz, per altro riscontrato da molti. Usando un launcher alternativo il problema sparisce. In generale il mio giudizio sarebbe un po più positivo."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, allora rispondo a lui direttamente a questo commento :)

      Intanto grazie ;)

      Sul fatto dei lag nella home e nel menù applicazioni/widget, si, è assolutamente vero che dipende dalla touchwiz e infatti ciò che ho scritto nella recensione verteva più sul confronto tra l'ottimizzazione di questa nelle release software di ICS e Jelly Bean. In ogni caso purtroppo, touchwiz a parte, la durata peggiore (almeno da ciò che ho riscontrato io si intende) della batteria con Jelly Bean rimane, così come rimane l'eccessiva lentezza all'avvio per caricare la home, i widget e per connettersi alla rete wi-fi...questo purtroppo anche usando launcher alternativi.

      Sul fatto del display e della "usabilità" concordo in pieno, e spero di aver fatto intuire anche io che si tratta di due cose molto soggettive.
      Personalmente parlando, a me il display ha deluso non poco (ma questo si era già capito) e in particolare non ho amato tutti i suoi "piccoli" difetti che sono anche propri dei Super Amoled, come le macchie nere e il burn-in. Se poi aggiungiamo il fatto che è stato montato su un top di gamma da €699 di partenza, la cosa è anche peggiore (il fatto che il prezzo si abbassi già dopo poco tempo è un altro discorso, si tratta più di una questione di principio).

      In generale inizio a non sopportare più la Samsung, che si sta sempre più trasformando in Apple per diversi motivi, tra cui -e non solo- il ripresentare il successore di un prodotto molto simile al predecessore e solo con qualche miglioria hardware, e il piazzare lo stesso di nuovo ad un prezzo esorbitante come 699 euro.
      Per non parlare poi della massiva e pressante campagna pubblicitaria attraverso tutti i mezzi di comunicazione di massa disponibili (l'anno scorso ho odiato a morte lo spot pubblicitario dell'S3 in TV, ripetuto in continuazione).

      Vuoi per il policarbonato che non mi convince (quello di HTC è un pelino superiore, secondo me), vuoi per il design che a me non dice nulla (ovviamente ripeto, è soggettivo), vuoi per il display nel quale spesso riesco a percepire la griglia dei pixel specialmente guardando i caratteri nelle pagine web, vuoi per il fatto che lo ritengo troppo scivoloso in mano e vuoi per il rapporto qualità/prezzo che secondo me non è dei migliori, ho ormai deciso di cambiare completamente passando ad "altri lidi", nello specifico Sony.

      Comunque, nulla toglie che sia un buon telefono.
      Non vorrei che si fosse frainteso troppo, il voto che ho dato non vuole essere negativo in senso stretto, per me il "79" ha più un significato di "non arriva all'80 per poco", che per me è molto lontano dall'essere una insufficienza, quanto più un dire "non mi ha convinto appieno". :)

      Elimina
  4. Volevo chiedere un tuo parere (pignolo, mi raccomando!! ;) hihi) sull'algoritmo che sceglie la foto della modalità "scatto migliore" della fotocamera :) a tuo avviso funziona bene? :)

    grazie mille della recensione e di una eventuale risposta qui, sei uno dei pochi che analizza a fondo un prodotto in tutte le sue sfaccettature :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Figurati, grazie a te per averla letta! :)

      Ti dirò, quando avevo l'S3 (ormai son passato ad altro, di cui a breve peraltro sto per pubblicare la recensione) molte delle innumerevoli funzioni le ho testate ma poi le ho usate davvero poco perché a me personalmente non servivano.
      Comunque sei fortunato (:D) la funzione "scatto migliore" l'ho usata diverse volte, è abbastanza precisa, il problema risiede altrove: spesso (almeno dai miei test s'intende) l'algoritmo ragiona bene per quanto riguarda i parametri puramente oggettivi che determinano la qualità di una foto rispetto ad un'altra (tipo dettaglio e nitidezza, colore ed esposizione, ecc.) ma non riesce -ovviamente- a comprendere altri fattori più soggettivi. Per farti un esempio, magari tra 8 foto fatte ne preferisco una per un qualche mio motivo, ma l'algoritmo ragiona solo in maniera prettamente logica e sceglie solo quella che per lui è qualitativamente migliore.

      A mio parere quindi è una funzione da usare solo:
      1) in foto fatte a paesaggi o oggetti e non a persone o animali (specialmente se è un autoscatto entra molto in gioco il fattore soggettività, e in quel caso dovresti fidarti ciecamente di una "macchina" che sceglie per te...non è l'ideale)
      2) per puro divertimento, e cioè per vedere come si comporta l'algoritmo...ovvero esattamente quello che ho fatto io quando ho testato la funzione di scatto multiplo/scatto migliore :P

      In sostanza io personalmente, eccetto questi due casi, preferisco (anzi, preferivo) scegliere sempre le foto migliori manualmente :)

      Spero di essere riuscito a farti capire almeno un pò che intendo dire. Per qualsiasi cosa chiedi pure! ;)


      PS: ho visto il tuo blog, in particolare i post su assemblaggio/disassemblaggio...ti faccio i miei complimenti, sei molto più fanatico di me! :D

      Elimina
    2. Ah okay grazie mille :) la mia riflessione è che su foto tipo ad un foglio con delle scritte, oppure ad una foto statica di informazione (tipo foto ad un volantino pubblicitario) è molto buona la modalità scatto migliore perchè permette di non fare quelle foto che al momento sembrano ottime e poi risultano sfocate o mosse :)

      Per fare un esempio: io vado a scuola e spesso mi capita di fare foto a degli esercizi che i professori scrivono alla lavagna, ma devo sempre stare attentissimo a non muovermi troppo durante la foto e che l'autofocus faccia il suo lavoro :) (non sopporto foto fatte male ;) o le faccio bene o non le faccio) e perciò pensavo a questa funzione come soluzione finale per "viversela" meglio, tirando qualche gocciolina di sudore in meno ;) .

      Sisi sei stato chiarissimo, infatti pensavo anche io ad oggetti statici come fogli o paesaggi......o perchè no :) a me piacciono le macro :) può tornare utile :) ... per le persone ogni momento è unico, non avrebbe quindi senso usare questa funzione :) (tra l'altro anche quella per modificare i volti per avere tutti che sorridono.........ottimo modo per avere un ricordo di un momento che non esiste e innaturale).

      P.S. Grazie mille per i complimenti :) io ho letto e riletto questa recensione ed ho sviluppato una certa stima nei tuoi confronti :) mi onora alquanto questa cosa :D

      stai certo che la nuova recensione non me la perderò ;)

      Grazie ancora e saluti :) buona continuazione :)

      Elimina

Posta un commento